Etichette: puntatore laser

Come modificare la parvenza del viso nei casi di elevata miopía con occhi strabuzzati (e magari operati con il laser)

Un caso di alta miopía già operato con il laser e poi peggiorato nuovamente allo stesso livello iniziale a séguito di traumi psicologici.  Una signora toglie gli occhiali e da sola si vede tolto anche l’ obbligo di guida con lenti.  Una presbiopía incipiente risulta ostinata perché il soggetto non ha l’ abitudine di spostare gli occhi una volta che si sono messi a fuoco.

Scetticismo silenzioso temporaneamente sconfitto in una diciottenne con quattro diottríe di miopía che conquista 10/10 per mezzo del riposo mentale progressivo

Una diciottenne ottiene lampi continuati di vista normale con 4 diottríe di miopía ma poi si rimette gli occhiali.  Altro socio ugualmente miopico invece rimane senza e può guidare di giorno senza problemi avendo misurato una vista sufficiente (10/15).  Una tredicenne ricupera da una ricaduta immaginando la punta della coda del suo gattino preferito.  Maculopatía grave trova sollievo con l’ aiuto dell’ olio di canapa acquaceutico.

Mosche volanti scomparse grazie allo spostamento del puntatore laser

Spariscono le fastidiose mosche volanti grazie al metodo dello spostamento in una socia AVP® appena iscritta. Altri casi notevoli: la vista da vicino che si accende grazie al colore di sfondo di un evidenziatore giallo, un pensionato che non ha mai portato gli occhiali in vita sua, una insegnante di yoga si riposa sulla schermatura Geoprotex® e poi vede meglio, importanza dello sbattere le pàlpebre per mettere a fuoco meglio, il nostro libro VISTA PERFETTA SENZA OCCHIALI sempre piú necessario ogni giorno che passa.

Un nuovo impianto di illuminazione agevola grandemente le pratiche di riposo mentale e porta al successo immediato in due casi di presbiopía e miopía di due visitatori AVP®

Diciotto persone a Taggí di Sotto con due risultati eclatanti ottenuti da due visitatori, una signora che soffriva di presbiopía e ha potuto lèggere facilmente le «Sette Verità» in carattere diamante, un giovane calciatore quattordicenne che ha debellato la sua miopía acuta arrivando a lèggere 26/20 con l’ uso della memoria dei colori.

Chi l’ ha détto che lo strabismo è incurabile?  A Milano, dimostriamo l’ impossibile grazie a una nuova socia AVP® che ci riesce in poche ore

Un caso di strabismo ipermetropico quarantennale riesce a raddrizzare gli occhi da lontano e comincia a farlo anche da vicino senza occhiali, mentre un’ altra persona con oltre sette diottríe di miopía e presbiopía incipiente raggiunge in mezz’ ora un quarto di visione normale da lontano e lègge il carattere diamante a 20 cm senza grossa fatica.