«Maestro, che cosa fai?  Riposi gli occhi?»